Riassunto. È esaminato il regime sanzionatorio in tema di licenziamento illegittimo nel contratto di lavoro a tutele crescenti anche all’esito delle sue recentissime modifiche in virtù dell’art. 3, comma 1, d.l. n. 87/2018 (cd. ‘decreto dignità’) e della censura di incostituzionalità della versione originaria dell’indennità risarcitoria ex art. 3, comma 1, d.lgs. n. 23/2015, da parte della sentenza n. 194/2018 della Corte costituzionale. Quali profili caratterizzanti una generale ridefinizione al ribasso dell’apparato delle tutele in materia rispetto alla normativa previgente, sono individuati la marginalizzazione della tutela ‘reale’ ex art. 18, l. n. 300/1970, a fattispecie e casi solo limitati, nonché una contrazione della stessa tutela “risarcitoria” su standard di protezione inferiori ai parametri generali di determinazione del risarcimento del danno propri della responsabilità civile, rilevandone in ogni caso la coerenza di massima stricto iure ai valori e principi costituzionali. In relazione all’indennità risarcitoria ex art. 3, comma 1, d.lgs. n. 23/2015, come risultante all’esito della sua riformulazione conseguente all’intervento di C. cost. n. 194/2018, è valutato l’essenziale venir meno delle ragioni “occupazionali” così come reputate rilevanti a giustificazione di una determinazione al ribasso delle tutele in tema di licenziamento illegittimo, in relazione al contratto di lavoro a tutele crescenti nell’ambito della riforma del Jobs Act, e, quindi, nella versione originaria dello stesso art. 3, comma 1, d.lgs. n. 23/2015.

 

Sanctions regarding illegitimate dismissal in the growing-protection employment contract. – Summary. It examines the protections rules against the illegitimate dismissal in the growing-protection employment contract also as modified by the art. 3, par. 1, d.l. n. 87/2018 (so-called ‘decree of dignity’) and the censorship of unconstitutionality by sentence no. 194/2018 of the Constitutional Court of the original version of the compensation indemnity provided by art. 3, par. 1 of Legislative Decree no. 23/2015.

Noting, in any case, the coherence stricto iure to the values and constitutional principles, are identified, such as profiles of a general downward redefinition of protections in comparison to the previous regulations, the marginalization of protection under art. 18, l. n. 300/1970, in only limited cases, as well as a contraction of the ‘compensation’ protection on protection standards lower than the parameters for determining the compensation for the damage of the civil liability.

With reference to the compensation indemnity provided by art. 3, par. of Legislative Decree no. 23/2015, as reformulated after the intervention of C. cost. n. 194/2018, is evaluated
the absence of the ‘employment’ reasons justified by a decline in the protection of illegitimate dismissal compared to the growing-protection employment contract of the Jobs Act reform, and, therefore, compared to the original version of the art. 3, par. 1 of Legislative Decree no. 23/2015.

Link al sito della rivista

Emilio Balletti, Contratto a tutele crescenti e indennità risarcitoria – Abstract – DML
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: