Giurisprudenza – CORTE DI CASSAZIONE – Ordinanza 24 gennaio 2020, n. 1662

Accertamento natura professionale della malattia, Sussistenza
di fattori patologici preesistenti, non aventi origine professionale, Grado di
riduzione permanente rapportata non alla normale attitudine al lavoro ma a
quella ridotta per effetto delle preesistenti inabilità

 

Rilevato
che

 

1. Con sentenza n. 387 del 15.5.2014 la Corte di
appello di Ancona, in riforma della pronuncia del Tribunale della medesima
sede, ha accolto la domanda di C.G. promossa nei confronti dell’Inail per
l’accertamento dell’origine professionale della patologia sofferta (sindrome
ansioso depressiva) con conseguente condanna alla costituzione di una rendita
nella misura del 40%, respingendo, per il resto, la domanda di risarcimento del
danno nei confronti del datore di lavoro, società P.B.;

2. la Corte ha ritenuto, alla luce di una rinnovata
consulenza tecnica d’ufficio, la natura professionale della malattia denunciata
valutando il danno pari al 40%;

3. per la cassazione della sentenza ricorre l’Inail
a tre motivi e il G. resiste con controricorso illustrato da memoria;

4. la trattazione del ricorso, fissato per la camera
di consiglio del 29.9.2016, è stata rinviata all’odierna udienza;

 

Considerato che

 

1. con tre motivi, il ricorrente, in relazione all’art. 360, primo comma, nn. 3 e 5, cod.proc.civ.,
deduce la violazione e falsa applicazione degli artt. 79 del d.P.R. 30 giugno 1965,
n. 1124 e 13, comma 6, del
d.lgs. n. 38 del 2000 nonché omessa motivazione su un fatto decisivo
discusso tra le parti, avendo, la Corte territoriale, trascurato – ai fini del
calcolo della invalidità dell’assicurato – la pregressa inabilità
extralavorativa pari al 67%, già presente in sede di assunzione, nell’anno
1995, che determinò il ricorso al collocamento obbligatorio;

2. preliminarmente, non può ritenersi fondata
l’eccezione di inesistenza del ricorso promossa dalla controparte sul
presupposto della notifica del ricorso per cassazione presso il procuratore del
G. revocato e successivamente sostituito in grado di appello, posto che questa
Corte, a Sezioni Unite, ha affermato che il luogo in cui la notificazione del
ricorso per cassazione viene eseguita non attiene agli elementi costitutivi
essenziali dell’atto; ne consegue che i vizi relativi alla individuazione di
detto luogo, anche qualora esso si riveli privo di alcun collegamento col
destinatario, ricadono sempre nell’ambito della nullità dell’atto, come tale
sanabile, con efficacia ex tunc, o per raggiungimento dello scopo, a seguito
della costituzione della parte intimata (anche se compiuta al solo fine di
eccepire la nullità), o in conseguenza della rinnovazione della notificazione,
effettuata spontaneamente dalla pane stessa oppure su ordine del giudice ai
sensi dell’art. 291 cod.proc.civ. (sentenza n.
14917 del 2016; successivamente confermata da Cass. n. 23903 del 2018);

3. la notifica del ricorso per cassazione effettuata
alla parte presso il procuratore sostituito in grado di appello non è
inesistente ma nulla per inesatta individuazione della persona del
destinatario, non potendosi ritenere effettuata presso persona e in luogo non
aventi alcun riferimento con il destinatario dell’atto; ne consegue che la
predetta nullità è sanata ove l’intimato abbia svolto la propria attività
difensiva, come è avvenuto nel caso di specie con la notifica del controricorso
(in tal senso, Cass. n. 13325 del 2018; Cass. nn. 11485, 10846, 5133 del 2018;
Cass. n. 16053 del 2017; precedentemente alla pronuncia delle Sezioni Unite
innanzi citate, Cass. n. 21505 del 2014, Cass. n. 16578 del 2008);

4. il ricorso merita accoglimento avendo questa
Corte chiarito più volte che in caso di infortunio sul lavoro, se si accerta la
sussistenza di fattori patologici preesistenti non aventi origine
professionale, il giudice deve, anche di ufficio, fare applicazione del d.P.R. 30 giugno 1965, n. 1124,
art. 79 (norma applicabile altresì alle malattie professionali ex art. 131 del d.P.R. citato)
secondo cui il grado di riduzione permanente dell’attitudine al lavoro causata
da infortunio, quando risulti aggravata da inabilità preesistenti derivanti da
fatti estranei al lavoro, deve essere rapportata non alla normale attitudine al
lavoro ma a quella ridotta per effetto delle preesistenti inabilità, e deve
essere calcolata secondo la cosiddetta “formula G.” – espressa da una
frazione avente come denominatore la ridotta attitudine preesistente e come
numeratore la differenza tra quest’ultima (minuendo) ed il grado di attitudine
al lavoro residuato dopo l’infortunio (sottraendo) – senza che abbia rilievo la
circostanza che l’inabilità preesistente e quella da infortunio incidano sullo
stesso apparato anatomo-funzionale (vedi, per tutte: Cass. n. 6612 del 2017;
Cass. n. 689 del 2014; Cass. n. 1890 del 2012; Cass. n. 4512 del 2010; Cass. n. 11703 del 2003; Cass. n. 6573 del 2001;
Cass. nn. 13453 e 534 del 1999);

5. l’applicazione della suddetta disposizione –
effettuabile anche d’ufficio, ove il consulente tecnico d’ufficio non ne abbia
tenuto conto – è finalizzata – previa verifica della reale sussistenza dei
suddetti fattori patologici preesistenti – ad ottenere un calcolo del grado di
riduzione dell’attitudine al lavoro che sia il più possibile corrispondente al
danno effettivamente subito dal lavoratore.

6. nel caso in esame, la Corte territoriale non ha
dato alcun conto di come il consulente tecnico d’ufficio abbia applicato la
c.d. formula G. né ha proceduto, d’ufficio, a considerare il principio
formulato negli artt. 79 del
d.P.R. n. 1124 del 1965 e 13,
comma 6, del d.lgs. n. 38 del 2000;

7. in conclusione, il ricorso va accolto, la
sentenza impugnata va cassata e rinviata alla Corte di appello di Ancona, in
diversa composizione, che procederà alla valutazione del grado di invalidità
del G. secondo il principio innanzi indicato, liquidando altresì le spese del
presente giudizio di legittimità;

 

P.Q.M.

 

Accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e
rinvia alla Corte di appello di Ancona, in diversa composizione, cui demanda di
provvedere anche sulle spese del giudizio di legittimità.

Giurisprudenza – CORTE DI CASSAZIONE – Ordinanza 24 gennaio 2020, n. 1662
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: