Giurisprudenza – CORTE DI CASASZIONE – Sentenza 11 maggio 2021, n. 12413

Interposizione nelle prestazioni di lavoro, Appalto
fraudolento, Configurabilità, Risultanze probatorie

 

Fatti di causa

 

1. Con sentenza n. 613/2015, pubblicata il 23
novembre 2015, la Corte di appello di Torino, accolto il gravame principale di
RAI – Radiotelevisione Italiana S.p.A., ritenuto assorbito l’appello
incidentale del lavoratore, ha respinto integralmente le domande, con le quali
G. C. – premesso di avere prestato attività di programmatore ed analista
informatico presso la sede RAI di Torino alle formali dipendenze di varie
società dall’1/1/1996 al 29/3/2013 – aveva chiesto che venisse accertata la
sussistenza di una fattispecie di interposizione illecita di manodopera ai sensi
della I. n. 1369/1960 e degli artt. 20 ss. d.lgs. n. 276/2003, con
inquadramento nel 3 (o in subordine nel 4) livello del contratto collettivo
aziendale RAI e il pagamento delle relative differenze retributive.

2. La Corte ha essenzialmente osservato a sostegno
della propria decisione: – che si trattava, nella specie, di un caso di appalto
a terzi di un servizio estraneo al core business della società, richiedente un
apporto di conoscenze specifiche e professionalità non presenti in azienda; –
che il fatto che le prestazioni lavorative fossero rese all’interno dei locali
della committente e in stretta relazione con i responsabili di essa per i vari
settori era determinato dalla necessità di rapportare l’attività
dell’appaltatore al sistema informatico della RAI e di corrispondere alle
esigenze operative di volta in volta rappresentate; – che doveva ritenersi
dimostrato che era l’appaltatore, e non la committente, a fornire le
disposizioni di carattere organizzativo ai propri dipendenti.

3. Avverso detta sentenza ha proposto ricorso per
cassazione il lavoratore con due motivi, cui ha resistito la RAI –
Radiotelevisione Italiana S.p.A. con controricorso.

4. Entrambe le parti hanno depositato memoria.

 

Ragioni della decisione

 

1. Con il primo motivo viene dedotta la violazione o
falsa applicazione dell’art. 29 d.lgs. n. 276/2003 per avere la sentenza
escluso, in contrasto con le risultanze probatorie, che  il ricorrente, nel corso dell’intero periodo
dedotto in giudizio, fosse stato inserito nel contesto produttivo di RAI e che
fosse stata la committente a organizzarne e dirigerne le prestazioni
lavorative, senza la presenza di alcun referente per l’appaltatore.

2. Con il secondo viene dedotto il vizio di
motivazione per avere la sentenza impugnata omesso l’esame di una testimonianza
sotto il profilo della sua contraddittorietà e per non avere dato ingresso ad
altro teste.

3. Il primo motivo è inammissibile.

3.1. Con esso, infatti, pur deducendosi il vizio di
cui all’art. 360 n. 3 cod. proc. civ., non è offerta indicazione specifica
delle affermazioni in diritto, contenute nella sentenza, che risulterebbero in
contrasto con la norma violata o falsamente applicata dal giudice di merito
(Cass. n. 16038/2013, fra le molte conformi).

3.1.1. In particolare, non risultano tali né
l’affermazione riportata a p. 9 del ricorso per cassazione, che rappresenta la
conclusione (di merito) del processo ricostruttivo svolto dalla Corte di
appello; né le altre affermazioni riportate in sede di esposizione del motivo,
in quanto momenti del discorso probatorio che ha condotto la Corte a ritenere
presente, nella fattispecie concreta, un appalto genuino e lecito.

3.2. In realtà, dietro lo schermo della violazione o
falsa applicazione dell’art. 29 d.lgs. n. 276/2003, il ricorrente richiede
sostanzialmente una rilettura del materiale probatorio e un diverso
apprezzamento di fatto non consentiti a questa Corte di legittimità, perché –
come costantemente dalla stessa precisato e ribadito (Cass. n. 25608/2013, fra
le molte conformi) – spetta in via esclusiva al giudice di merito il compito di
individuare le fonti del proprio convincimento, di controllare l’attendibilità
e l’efficacia concludente delle prove, di scegliere, tra le complessive
risultanze del processo, quelle più idonee a dimostrare la veridicità dei
fatti.

3.3. Resta che la Corte di appello si è comunque
attenuta, nel compimento della propria indagine, al consolidato principio, per
il quale “In tema di interposizione nelle prestazioni di lavoro, non è
sufficiente, ai fini della configurabilità di un appalto fraudolento, la
circostanza che il personale dell’appaltante impartisca disposizioni agli
ausiliari dell’appaltatore, occorrendo verificare se esse siano riconducibili
al potere direttivo del datore di lavoro, in quanto inerenti a concrete
modalità di svolgimento delle prestazioni lavorative, oppure al solo risultato
di tali prestazioni, il quale può formare oggetto di un genuino contratto di
appalto” (Cass. n. 9139/2018; conformi: Cass. n. 15615/2011; Cass. n.
12201/2011): potere direttivo che, come ripetutamente affermato da questa
Corte, “deve estrinsecarsi nell’emanazione di ordini specifici, oltre che
nell’esercizio di un’assidua attività di vigilanza e controllo nell’esecuzione
delle prestazioni lavorative”, sia pure nella necessaria considerazione
della specificità dell’incarico conferito e del modo della sua attuazione
(Cass. n. 12348/2003, fra le molte conformi).

4. Il secondo motivo è parimenti inammissibile, non
conformandosi al modello del nuovo vizio “motivazionale”, quale
risultante a seguito delle modifiche introdotte con il decreto legge 22 giugno
2012, n. 83, convertito con modificazioni nella I. 7 agosto 2012, n. 134.

4.1. Al riguardo le Sezioni Unite di questa Corte,
con le sentenze n. 8053 e n. 8054 del 2014 (e con le numerose successive che ad
esse si sono conformate) hanno precisato che l’art. 360 n. 5 cod. proc. civ.,
come riformulato nel 2012, “introduce nell’ordinamento un vizio specifico
denunciabile per cassazione, relativo all’omesso esame di un fatto storico,
principale o secondario, la cui esistenza risulti dal testo della sentenza o
dagli atti processuali, che abbia costituito oggetto di discussione tra le
parti e abbia carattere decisivo (vale a dire che, se esaminato, avrebbe
determinato un esito diverso della controversia)”; con la conseguenza che
“nel rigoroso rispetto delle previsioni degli artt. 366, primo comma, n. 6
e 369, secondo comma, n. 4 cod. proc. civ., il ricorrente deve indicare il
fatto storico, il cui esame sia stato omesso, il dato, testuale o
extratestuale, da cui esso risulti esistente, il come e il quando tale fatto
sia stato oggetto di discussione 
processuale tra le parti e la sua decisività, fermo restando che
l’omesso esame di elementi istruttori non integra, di per sé, il vizio di
omesso esame di un fatto decisivo qualora il fatto storico, rilevante in causa,
sia stato comunque preso in considerazione dal giudice, ancorché la sentenza
non abbia dato conto di tutte le risultanze probatorie”.

5. In conclusione, il ricorso deve essere respinto.

6. Le spese seguono la soccombenza e si liquidano
come in dispositivo.

 

P.Q.M.

 

rigetta il ricorso; condanna il ricorrente al
pagamento delle spese del presente giudizio, liquidate in euro 200,00 per
esborsi e in euro 4.000,00 per compensi professionali, oltre spese generali al
15% e accessori di legge.

Ai sensi dell’art. 13, comma 1 quater, D.P.R. n. 115
del 2002 dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il
versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di
contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso, a norma del comma 1
bis dello stesso articolo 13, se dovuto.

Giurisprudenza – CORTE DI CASASZIONE – Sentenza 11 maggio 2021, n. 12413
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: