"Sito specializzato in lavoro, sindacale e previdenza sociale"

Ambiti di discussione

Lavoro

Costituzione, svolgimento ed estinzione del rapporto di lavoro

Sindacale
Sindacati, contratto collettivo e sciopero
Previdenza
Trattamento previdenziale, infortuni, disoccupazione, sicurezza
Osservatorio Riviste

Osservatorio sulle riviste in materia di diritto del lavoro

In evidenza

08/04/2021: Abbiamo pubblicato
Le "nuove" misure a sostegno della genitorialità introdotte dal Decreto Covid - Indirizzi Operativi  

Ultime note pubblicate

12/04/2021: Licenziamento ritorsivo
Ai fini della nullità del recesso, il motivo illecito deve essere esclusivo e determinante. Nota a Cass. 25 gennaio 2021, n. 1514 Francesco Belmonte In tema di licenziamento nullo, in quanto ritorsivo, il motivo illecito addotto (ex art. 1345 c.c.) deve essere determinante, ossia costituire l’unica effettiva ragione del recesso, ed esclusivo, nel senso che il motivo lecito formalmente addotto…
12/04/2021: Retribuzione sufficiente: possibile applicazione di un ccnl non applicato in azienda
Per determinare la retribuzione sufficiente, in forza dell’art. 36 della Costituzione e delle reali mansioni svolte dal lavoratore, è possibile far riferimento ad un ccnl diverso da quello applicato dall’impresa. Nota a Trib. Milano 24 febbraio 2021, n. 413 Pamela Coti È potere/dovere del Giudice, ove ritenga inadeguata la retribuzione corrisposta dall’azienda al lavoratore, adeguarla mediante l’individuazione dell’ammontare retributivo rispondente…
09/04/2021: Licenziamenti economici e ripescaggio
La prova dei posti disponibili per un’utile ricollocazione del lavoratore licenziato e l’eventuale impossibilità del c.d. repêchage, incombe sul datore di lavoro. Nota a Cass. 22 febbraio 2021, n. 4673 Francesco Belmonte Nel caso di licenziamento per giustificato motivo oggettivo, incombono sul datore di lavoro gli oneri di allegazione e di prova dell’esistenza del motivo oggettivo, che include anche l’impossibilità…
08/04/2021: Discriminatorio non rinnovare il contratto a termine alla sola lavoratrice in gravidanza
Non concedere alla sola dipendente gestante il rinnovo del contratto a tempo determinato, a fronte del mantenimento in servizio di tutti gli altri lavoratori con contratti analoghi, costituisce una discriminazione di genere. Nota a Cass. 26 febbraio 2021, n. 5476 Sonia Gioia In materia di parità di trattamento sul luogo di lavoro, il mancato rinnovo di un contratto a termine…

Seguici anche sui nostri social