"Sito specializzato in lavoro, sindacale e previdenza sociale"

Ambiti di discussione

Lavoro

Costituzione, svolgimento ed estinzione del rapporto di lavoro

Sindacale
Sindacati, contratto collettivo e sciopero
Previdenza
Trattamento previdenziale, infortuni, disoccupazione, sicurezza
Osservatorio Riviste

Osservatorio sulle riviste in materia di diritto del lavoro

In evidenza

03/08/2020: Oggi si pubblica anche:
Danno non patrimoniale - In 100 parole  

Ultime note pubblicate

03/08/2020: Sicurezza, responsabilità contrattuale e autonomia fra giudizio civile e penale
L’onere della prova circa la nocività dell'ambiente di lavoro ed il nesso causale tra attività lavorativa e patologia contratta ricade sul lavoratore, mentre compete al datore di lavoro la prova dell’adozione di misure di sicurezza dettate dalla legge o suggerite da conoscenze sperimentali e tecniche o dagli standard di sicurezza normalmente osservati. Il processo civile e quello penale sono autonomi…
31/07/2020: Amministratore e dipendente della stessa società: cumulabilità delle qualifiche
La carica di amministratore è compatibile con lo status di lavoratore subordinato alle dipendenze della medesima compagine sociale, a condizione che i poteri di gestione e controllo siano concretamente esercitati da un altro soggetto o da altri membri dell’organo di amministrazione. Nota a Cass. ord. 6 luglio 2020, n. 13910 Sonia Gioia In tema di compatibilità della qualifica di amministratore…
30/07/2020: Reiterazione abusiva di contratti a termine ed esclusione della conversione a tempo indeterminato per i dipendenti della PA e delle autorità portuali
La natura di ente pubblico non economico del datore di lavoro esclude la tutela ripristinatoria. Nota a Cass. (ord.) 25 giugno 2020, n. 12627 Fabrizio Girolami Nell’ipotesi di reiterazione abusiva di contratti di lavoro a termine con un’Autorità portuale, il dipendente non ha diritto alla conversione in un rapporto a tempo indeterminato, ma soltanto al risarcimento del danno, non potendo…
28/07/2020: Inattività del lavoratore e giustificazione dell’impresa
L’inattività forzata del dipendente, seguita da plurimi trasferimenti e da una valutazione inferiore, è fonte di risarcimento del danno professionale, biologico ed esistenziale, salvo che l’impresa non sia giustificata ex art. 41 Cost. Nota a Cass. 24 giugno 2020, n. 12485 Flavia Durval L’impresa che per un prolungato periodo di tempo lasci un lavoratore del tutto inattivo e lo privi…

Seguici anche sui nostri social