Specificità della prova e rinvio al ccnl


La clausola del contratto individuale relativa al patto di prova può essere integrata dal riferimento alla scala classificatoria della contrattazione collettiva, ma ciò non è sufficiente a conferire la necessaria specificità al contenuto dei compiti sui quali deve espletarsi la prova.

Nota a Cass. 14 gennaio 2022, n. 1099

Flavia Durval (altro…)


Pubblicato il 27 Gennaio 2022 in , ,

Antisindacale l’omesso versamento dei contributi ai sindacati da parte del datore di lavoro


L’imprenditore che non versi tempestivamente le quote di retribuzione cedute dai lavoratori in favore del sindacato di appartenenza attua una condotta antisindacale.

Nota a Trib. Mantova (ord.) 2 novembre 2021

Sonia Gioia (altro…)


Pubblicato il 26 Gennaio 2022 in ,

Contratto di lavoro marittimo e clausola “a viaggio”


Se manca l’indicazione della durata del viaggio, il contratto di lavoro marittimo si intende a tempo indeterminato.

Nota a App. Messina 16 novembre 2021, n. 576

 Paolo Pizzuti (altro…)


Pubblicato il 25 Gennaio 2022 in ,

Requisiti per la pensione di vecchiaia dei lavoratori marittimi


Sottoposizione al giudizio della Corte Costituzionale delle previsioni che non consentono di calcolare la pensione di vecchiaia dei lavoratori marittimi, escludendo dal computo, a ogni effetto, il prolungamento contributivo di cui all’art. 24 della L. n. 413/1984, qualora tale calcolo porti a un risultato più favorevole per l’interessato.

Nota a Trib. Cassino (ord.) 21 giugno 2021, n. 206

 Alfonso Tagliamonte (altro…)


Pubblicato il 24 Gennaio 2022 in ,

Fallimento, licenziamento e contribuzione previdenziale


Il fallimento di un’impresa non comporta lo scioglimento del rapporto di lavoro ed il datore di lavoro è tenuto al pagamento dei contributi previdenziali a favore del lavoratore licenziato illegittimamente anche in caso di inadempimento retributivo del datore di lavoro totale o parziale e anche se la originaria obbligazione si sia trasformata in altra di natura risarcitoria.

Nota a Cass. 13 dicembre 2021, n. 39699

Giuseppe Catanzaro (altro…)


Pubblicato il 24 Gennaio 2022 in ,

Riammissione in servizio e rito Fornero


L’ottemperanza all’ordine giudiziale di reintegrazione a seguito di annullamento del licenziamento ex art. 18 Stat. lav. implica il ripristino della posizione di lavoro del dipendente, il cui reinserimento nell’attività lavorativa deve quindi avvenire “nella sede precedentemente assegnata e nelle mansioni originariamente rivestite”, salvo che il datore di lavoro non intenda disporre il trasferimento del lavoratore ad altra unità produttiva che sia giustificato da sufficienti ragioni tecniche, organizzative e produttive. Con il c.d. rito Fornero (art. 1, co. 48, L. n. 92/2012), oltre alle domande relative all’impugnativa dei licenziamenti (nei casi regolati dall’art. 18 Stat. lav.), possono essere proposte anche domande fondate su fatti costitutivi già dedotti.

Nota a Cass. (ord.) 3 dicembre 2021, n. 38209

Emilio Balletti (altro…)


Pubblicato il 20 Gennaio 2022 in ,

Il datore di lavoro deve preavvertire il lavoratore circa il superamento del periodo di comporto


Il datore di lavoro è tenuto ad avvertire il lavoratore assente per malattia circa l’imminente superamento del periodo di comporto se le assenze indicate in busta paga sono inferiori a quelle reali.

Nota ad App. Roma 20 settembre 2021

Flavia Durval (altro…)


Pubblicato il 19 Gennaio 2022 in ,

Indeducibile il compenso del dipendente che riveste (anche) la qualifica di presidente del CdA


Ai fini IRES se, in capo al medesimo soggetto, si sommano la qualifica di lavoratore dipendente di una società e la carica di Presidente del CdA (o di Amministratore unico) della stessa società, è indeducibile dal reddito di impresa della società quanto corrisposto a tale dipendente a tiolo di costo del lavoro.

Nota a Cass. (ord.) 23 novembre 2021, n. 36362

Francesco Palladino (altro…)


Pubblicato il 19 Gennaio 2022 in ,

Disapplicazione illegittima del contratto integrativo aziendale


Il reiterato pagamento della parte variabile del premio di partecipazione costituisce un comportamento concludente da cui si desume l’applicazione implicita della contrattazione collettiva, pur a fronte della disdetta all’associazione sindacale.

Nota a Cass. (ord.) 31 dicembre 2021, n. 42097

Marco Mocella

(altro…)


Pubblicato il 18 Gennaio 2022 in ,

Crediti da prestazione professionale


La Cassazione nega al credito dell’avvocato il privilegio di cui all’art. 2751-bis c.c.

Nota a Cass. (ord.) 24 novembre 2021, n. 36544

Daniele Magris

(altro…)


Pubblicato il 17 Gennaio 2022 in ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: