Pensione di vecchiaia e rivalutazione


La pensione del Fondo telefonici relativa all’anzianità contributiva anteriore al 1993 va calcolata secondo il regime precedente.

Nota a Cass. 26 agosto 2020, n. 17789

Gennaro Ilias Vigliotti (altro…)


Pubblicato il 18 Settembre 2020 in ,

Periodo di comporto e ulteriore congedo


La condotta dell’azienda è rilevante per considerare legittimo il licenziamento del lavoratore che chieda di fruire di un congedo per evitare il superamento del periodo di comporto.

Nota a Cass. ord. 2 settembre 2020, n. 18253

Sonia Gioia (altro…)


Pubblicato il 17 Settembre 2020 in ,

Natura del rapporto tra medico e casa di cura


L’accertamento della natura subordinata di medico dipendente da una casa di cura richiede la dimostrazione dell’assoggettamento all’eterodirezione della struttura sanitaria (la quale non consiste in una sporadica ingerenza o in un generico controllo sull’attività prestata), anche attraverso l’esame dei c.d. indici sussidiari, come il rispetto di un orario di lavoro, l’utilizzo di strumenti e macchinari e la richiesta di permessi alla struttura stessa.

Nota a Cass. 14 luglio 2020, n. 14975

Maria Novella Bettini (altro…)


Pubblicato il 15 Settembre 2020 in ,

Falsa attestazione del pagamento di indennità di maternità


La condotta del datore di lavoro che, mediante la fittizia esposizione di somme corrisposte al lavoratore a titolo di indennità per malattia o maternità o assegni familiari, ottiene dall’I.N.P.S. il conguaglio di tali somme, in realtà non corrisposte, con quelle da lui dovute all’istituto previdenziale a titolo di contributi previdenziali e assistenziali, cosi percependo indebitamente dallo stesso istituto le corrispondenti erogazioni, integra il delitto di indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato di cui all’art. 316 ter c.p.

Nota a Cass. 16 giugno 2020, n 18311

Fulvia Rossi (altro…)


Pubblicato il 14 Settembre 2020 in ,

Tutela della salute, obblighi del datore di lavoro e onere della prova


In caso di infortunio sul lavoro, l’infortunato deve provare il danno, la nocività dell’ambiente di lavoro e il nesso di causalità tra i due elementi, mentre il datore di lavoro deve provare di avere adottato tutte le misure di protezione dell’integrità psicofisica del lavoratore, imposte dalla legge, dalla comune prudenza e comunque necessarie a salvaguardare la salute del dipendente.

 Nota a Cass. 7 luglio 2020, n. 14082

 Fabio Iacobone (altro…)


Pubblicato il 11 Settembre 2020 in ,

La comunicazione dei motivi di licenziamento


L’ obbligo datoriale di comunicare motivi del licenziamento presuppone che questi motivi non siano stati precedentemente indicati.

Nota a Cass. (ord.) 13 agosto 2020, n. 17068

Sonia Gioia (altro…)


Pubblicato il 10 Settembre 2020 in ,

Assegno d’invalidità: requisito reddituale e sanitario


Per l’assegno di invalidità si deve far riferimento solo al reddito personale dell’invalido

Nota a Cass. (ord.) 26 agosto 2020, n. 17797

Alfonso Tagliamonte (altro…)


Pubblicato il 09 Settembre 2020 in ,

Demansionamento e acquiescenza del lavoratore


Gli spostamenti di mansioni devono salvaguardare la professionalità del lavoratore e la mera tolleranza del provvedimento non configura tacita acquiescenza.

Nota a Cass. 3 agosto 2020, n. 16594

Flavia Durval (altro…)


Pubblicato il 08 Settembre 2020 in ,

Assistenti di volo e indennità di maternità


La mancata inclusione dell’indennità di volo minima garantita nella base di calcolo dell’indennità di maternità è discriminatoria.

Nota a Trib. Novara 16 giugno 2020, n. 64

Giuseppe Catanzaro (altro…)


Pubblicato il 07 Settembre 2020 in ,

Licenziamenti collettivi e risoluzione consensuale


Il recesso collettivo è configurabile anche nell’ipotesi di risoluzione consensuale

Nota a Cass. 20 luglio 2020, n. 15401

Paolo Pizzuti (altro…)


Pubblicato il 03 Settembre 2020 in ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: