Le somme percepite in eccesso dal lavoratore dipendente devono essere restituite al datore di lavoro al netto delle ritenute fiscali

Il datore di lavoro, che ha versato al lavoratore una retribuzione maggiore del dovuto e ha operato ritenute erronee per eccesso, può ripetere l’“indebito” nei confronti del lavoratore nei limiti di quanto effettivamente percepito da quest’ultimo. Non si può, infatti,