Giurisprudenza – CORTE DI CASSAZIONE – Ordinanza 18 maggio 2021, n. 13435

Cooperativa, Esclusione del socio, Impugnazione, Competenza
a decidere sulla delibera di esclusione

 

Rilevato che

 

Il Tribunale di Bologna, sezione imprese, richiede
d’ufficio il regolamento di competenza, nei confronti di H.E.G. e della Coop.
Soc. I.B. s.c., avverso l’ordinanza del 6 novembre 2017 con cui il Tribunale di
Reggio Emilia, giudice del lavoro, ha declinato la propria competenza per
materia in ordine all’impugnazione proposta da H.E.G. della delibera di sua
esclusione da socio della cooperativa.

H.E.G. aderisce alla richiesta.

La Coop. Soc. I.B. s.c. non svolge difese in questa
sede.

 

Considerato che

 

Secondo il Tribunale di Bologna, la competenza a
decidere sulla delibera di esclusione di H.E.G. dalla cooperativa spetterebbe
per connessione al Tribunale di Reggio Emilia, investito dell’impugnazione del
licenziamento pure intimato dalla stessa cooperativa.

 

Ritenuto che

 

Il ricorso è inammissibile.

Stabilisce l’articolo 45 c.p.c. che, «quando, in
seguito all’ordinanza che dichiara l’incompetenza del giudice adito per ragione
di materia o per territorio nei casi di cui all’articolo 28, la causa nei
termini di cui al all’articolo 50 è riassunta davanti ad altro giudice, questi,
se ritiene di essere a sua volta incompetente, richiede d’ufficio il
regolamento di competenza».

Questa Corte ha da tempo posto in correlazione la
norma con l’articolo 38 c.p.c., che, nel disciplinare l’eccezione e rilevazione
di incompetenza, al suo terzo comma, stabilisce che «l’incompetenza per
materia, quella per valore e quella per territorio nei casi previsti
dall’articolo 28 sono rilevate d’ufficio non oltre l’udienza di cui
all’articolo 183», i.e. alla prima udienza, individuando, di conseguenza, in
questa previsione anche il termine ultimo per la richiesta di regolamento di
competenza d’ufficio.

Il principio, anche di recente ribadito, è il
seguente: «Il regolamento di competenza da parte del giudice investito della
controversia, a seguito di pronuncia declinatoria della stessa da parte del
giudice preventivamente adito, e tempestivo, secondo quanto si ricava dall’art.
38 c.p.c., purché promosso entro la prima udienza di trattazione, eventualmente
anche a seguito di riserva assunta in quella sede. Il mancato rispetto di detto
termine comporta l’inammissibilità del regolamento d’ufficio, pur quando il
regolamento venga sollevato all’udienza di trattazione successiva ad altra di
mero rinvio, perché la celebrazione di tali udienze è vietata nel nostro ordinamento,
stante la finalità costituzionalmente recepita della ragionevole durata del
processo» (Cass. 29 ottobre 2019, n. 27731).

Nel caso in esame il Tribunale di Bologna, dopo aver
rilevato d’ufficio la questione di competenza funzionale in prima udienza, ha
rinviato ad udienza ulteriore, assegnando alle parti i termini di cui
all’articolo 183, sesto comma, e riservando all’esito ogni eventuale ulteriore
determinazione anche in ordine alla questione rilevata, come risulta dal
verbale dell’udienza menzionata.

La richiesta di regolamento è dunque inammissibile
perché tardiva.

 

P.Q.M.

 

Dichiara inammissibile il regolamento e rimette la
causa al Tribunale di Bologna per il prosieguo.

Giurisprudenza – CORTE DI CASSAZIONE – Ordinanza 18 maggio 2021, n. 13435
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: