Giurisprudenza – CORTE DI CASSAZIONE – Sentenza 27 aprile 2021, n. 11116

Infortunio, Risarcimento del danno, Appalto dei lavori di
facchinaggio e movimentazione merci, Violazione di specifica norma
antinfortunistica, Configurabilità di un rischio elettivo da parte
dell’infortunato

 

Fatti di causa

 

1. L.C. convenne davanti al giudice del lavoro F.S.
s.a.s. di D.V. & C. e D.V., legale rappresentante e socio accomandatario
della medesima, chiedendone la condanna al risarcimento del danno per
l’infortunio verificatosi in data 13 ottobre 2008; la pretesa fu fondata
sull’essere la società F.S. committente dell’appalto conferito alla C.L. di
Chiugiana di Cordano, datrice di lavoro del C.; nel corso del giudizio
intervenne l’INAIL con domanda di surroga ai sensi degli artt. 10 e 11 d. P.R.
n. 1124/1965 nei confronti della committente e del socio accomandatario della
stessa, D.V., per l’importo di € 94.710/79 oltre accessori e salva la richiesta
del maggior costo dell’infortunio ai sensi dell’art. 116 d. P.R cit.

2. Il Tribunale respinse entrambe le domande.

3. La Corte di appello di Perugia, in riforma della
sentenza di

primo grado, condannò F.S. s.r.l., già F.S. s.a.s.
di D.V. & C., e D.V., socio accomandatario di quest’ultima, al pagamento in
solido in favore del C., della somma di € 27.633,89, oltre accessori; in
accoglimento della domanda spiegata dall’INAIL, intervenuto nel giudizio di
primo grado, condannò la F.S. s.r.l. e D.V. al pagamento in solido in favore
dell’istituto assicuratore dell’importo di € 106.824, 11 oltre interessi
legali.

3.1. La sentenza di appello accertò che il C. –
dipendente della società cooperativa C.L., alla quale la società in
accomandita, F.S. di D.V. & C aveva affidato in appalto dei lavori di
facchinaggio e movimentazione merci da eseguirsi all’interno dell’immobile nel
quale la committente svolgeva la sua attività produttiva – mentre era intento a
sistemare la merce in entrata sul soppalco del magazzino della società
committente, soppalco costituito da un ballatoio sospeso a circa tre metri da
terra, con una balaustra posta ad un’ altezza di novanta centimetri, lungo il
quale si trovavano gli scaffali, era stato avvicinato da A.R., dipendente
dell’A.U. s.p.a. e impiegato presso la società F.S. in virtù di un contratto di
somministrazione; il R., con l’intenzione di scherzare, aveva preso il C. per
le spalle e lo aveva spinto verso il parapetto della passerella; il C. aveva
tentato di aggrapparsi alla balaustra la quale, tuttavia, per l’urto, era
uscita dal suo alloggiamento; il lavoratore aveva perso l’equilibrio e, dopo
essere rimasto qualche secondo sospeso nel vuoto con un piede incastrato tra la
tavola fermapiede era precipitato sul pavimento sottostante riportando plurime
lesioni.

3.2. La Corte di appello, per quel che ancora rileva
fondò l’affermazione della responsabilità della società committente sulla
considerazione che la caduta del C. non era stata dovuta solo alla spinta del
R. ma determinata anche dalle caratteristiche della balaustra la quale, in
violazione di specifica norma antinfortunistica, era risultata di altezza
inferiore ad un metro e non assicurata saldamente ai montanti della corsia
essendo, al contrario, risultata amovibile per consentire il carico e lo
scarico della merce; la condotta sconsiderata del R. non elideva, pertanto, la
responsabilità della società committente che trovava il suo fondamento
nell’art. 26, comma 4, d. Igs n. 81/2008 in tema di obblighi di sicurezza a
carico del soggetto committente per l’ipotesi di appalto cd. endoaziendale. Il
giudice di appello rilevò, inoltre, che quando si era verificato l’infortunio
il C. non stava compiendo attività estranee alle mansioni assegnategli
dall’azienda appaltatrice mentre l’esorbitanza dall’attività lavorativa
riguardava soltanto la condotta del R. vale a dire un soggetto terzo; tanto
escludeva la configurabilità di un rischio elettivo da parte dell’infortunato,
rischio idoneo ad interrompere il nesso causale tra la violazione dell’obbligo
di sicurezza da parte della committente e l’evento.

3.3. La Corte di merito ritenne fondata l’azione di
recupero delle somme corrisposte per l’infortunio avanzata dall’INAIL, che
qualificò azione surrogatoria ai sensi dell’art. 1916 cod. civ. e non azione di
regresso, esperibile dall’istituto assicuratore nei confronti del solo datore
di lavoro nella cui condotta sia ravvisabile una responsabilità penale;
respinse la richiesta della F.S., di chiamata in causa del R.

4. Per la cassazione della decisione hanno proposto
ricorso F.S. s.r.l. già F.S. s.a.s. di V.D. & C. e D.V. sulla base di
cinque motivi; l’INAIL ha resistito con tempestivo controricorso; l’intimato
L.C. non ha svolto attività difensiva.

5. L’INAIL ha depositato memoria ai sensi dell’art.
378 cod. proc. civ.

 

Ragioni della decisione

 

1. Con il primo motivo di ricorso parte ricorrente
deduce, ai sensi dell’art. 360, comma 1, n. 3 cod. proc:. civ., violazione e/o
falsa e/o errata applicazione dell’art. 2697 cod. civ.- anche in relazione alla
mancata ammissione delle richieste istruttorie decisive -, degli artt. 420,
comma 5, 437 commi 2 e 3, cod. proc. civ. e degli artt. 40 e 41 cod. pen. e, ai
sensi dell’art. 360, comma 1, n. 5 cod. proc. civ., insufficiente motivazione
per omesso esame di un fatto decisivo per il giudizio.

Critica la sentenza impugnata sul presupposto che la
stessa, in contrasto con le emergenze istruttorie, alla stregua delle quali
l’infortunio si era verificato allorquando il C. e il R. stavano ( entrambi )
scherzando, aveva ritenuto che in realtà il primo stesse espletando la propria
attività lavorativa e riferito al solo R. l’esorbitanza dalle proprie mansioni
in relazione al ruolo avuto dallo stesso nel verificarsi dell’infortunio;
lamenta, inoltre, la mancata, adeguata considerazione della dinamica
dell’incidente con riferimento al fatto che il corrente del parapetto aveva
ricevuto una sollecitazione del tutto anomala e che il C. aveva ricevuto una
seconda spinta dal R.; in questa prospettiva sostiene il carattere anomalo ed
assolutamente abnorme della condotta del R., tale da recidere qualsiasi
collegamento causale con l’espletamento dell’attività lavorativa; ciò anche in
ragione dell’assoluta imprevedibilità della relativa condotta.

Lamenta, quindi, la mancata ammissione delle prove
testimoniali reiterata in seconde cure.

2. Con il secondo motivo di ricorso deduce, ai sensi
dell’art. 360, comma 1, n. 3 cod. proc. civ. violazione e/o falsa e/o errata
applicazione degli artt. 10 e 11 d.P.R. n. 1124/1965, dell’art. 63, commi 1, 2,
3, dell’art. 64, comma 1, lett. a) dell’allegato IV, punto 1.7.3. d. Igs n.
81/2008, degli artt. 40 e 41 cod. pen. Nonché, ai sensi dell’art. 360, comma 1,
n. 5 cod. proc. civ., omessa, insufficiente e/o contraddittoria motivazione su
un punto decisivo della controversia.

Premesso che la Corte di merito aveva dichiarato la
società Ferramenta V. esclusiva responsabile del sinistro, ritenendo come la
” causa” o, quantomeno la ” concausa” del sinistro fosse da
rinvenire nel cedimento della balaustra, deduce che la domanda del C. di
condanna della società al danno differenziale e la domanda di surroga proposta
dall’INAIL richiedevano l’accertamento dei presupposti previsti dagli artt. 10
e 11 d.P.R n. 1124/ 1965, vale a dire la esistenza di un sinistro ricollegabile
a responsabilità del datore di lavoro, “rappresentativa” di un reato
procedibile di ufficio; la Corte di merito aveva eluso tale indagine ed omesso
la necessaria delibazione della eventuale sussistenza di un fatto – reato; non
era stata dimostrata alcuna relazione causale tra infortunio e violazione delle
norme antinfortunistiche contestata dalla USL la quale, anzi, nel verbale,
aveva radicalmente escluso la sussistenza di profili di reato ascrivibili al
datore di lavoro; evidenzia che il procedimento penale a carico del legale
rappresentante della società F.S. era stato archiviato; l’infortunio si era
verificato per cause estranee alle anomalie tecniche contestate alla società committente;
in particolare le prescrizioni relative al parapetto, ai sensi dell’art.
1.2.2.1.4. dell’allegato IV d. Igs n. 81/2008, non specificamente contestate
alla società F.S., imponevano di tenere conto della specifica funzione cui tale
parapetto era adibito, funzione che era quella di evitare cadute accidentali e
non certo quella di resistere ad una forza anomala volontariamente impressa da
un soggetto che afferri la balaustra nel corso di una
“colluttazione”, sia pure giustificata da finalità ludiche.

3. Con il terzo motivo di ricorso deduce ai sensi
dell’art. 360, comma 1, n. 3 cod. proc. civ. violazione e/o falsa e/o errata
applicazione dell’art. 2697 cod. civ., degli artt. 2049 e 2087 cod. civ.
dell’art. 26, comma 4, d. Igs n. 81/2008 nonché, ai sensi dell’art. 360, comma
1, n. 5 cod. proc. civ,, omessa e/o insufficiente/contraddittoria motivazione
su un punto decisivo della controversia.

Censura, in sintesi, la sentenza di appello sotto il
profilo della omessa verifica del ruolo concreto del C., se socio della
cooperativa appaltatrice o dipendente, e della configurabilità o meno, ai sensi
dell’art. 26, comma 4, d. Igs n. 81/2008, di un rischio specifico proprio
dell’attività dell’appaltatrice; la Corte di merito aveva errato in quanto non
aveva verificato le condizioni per l’esercizio dell’azione diretta ex art. 26
d. Igs n. n. 81/2008 nei confronti del committente.

4. Con il quarto motivo di ricorso deduce, ai sensi
dell’art. 360, comma 1, n. 3 cod. proc. civ., violazione e/o falsa e/o errata
applicazione degli artt. 40 e 41 cod. pen. nonché, ai sensi dell’art. 360,
comma 1, n. 5 cod. proc. civ,. omessa e/o contraddittoria motivazione su un
punto decisivo della controversia.

La Corte, pur affermando che la caduta del C. era
avvenuta non solo a causa della spinta del R. ma perché la balaustra del
parapetto aveva ceduto e che la violazione di specifica norma antinfortunistica
era stata causa o comunque concausa dell’evento aveva, incomprensibilmente,
assegnato alla società F.S. la totale responsabilità dell’accaduto avendola
condannata all’integrale risarcimento del danno, sia a titolo di rimborso
dell’ammontare versato dall’INAIL sia a titolo di danno differenziale.

5. Con il quinto motivo di ricorso deduce, ai sensi
dell’art. 360, comma 1, n. 3 cod. proc. civ., violazione e/o falsa e/o errata
applicazione degli artt. 106, 343, 346, 416 e 420, comma 9, cod. proc. civ.,
violazione dell’art. 2055 cod. civ., nonché, ai sensi dell’art. 360, comma 1,
n. 5 cod. proc. civ., carenza di motivazione su un punto decisivo della
controversia, censurando il rigetto della domanda di chiamata in garanzia nei
confronti del R.

6. Il primo motivo di ricorso presenta un profilo di
inammissibilità con riguardo alla deduzione di violazione di norme di diritto
la quale non risulta incentrata sul significato e la portata applicativa delle
norme delle quali è denunziata violazione e falsa applicazione, ma sulla
ricognizione della concreta fattispecie a mezzo delle risultanze di causa,
invocando una diversa ed a sé più favorevole ricostruzione dei fatti di causa.

Tale modalità di articolazione del motivo non è
pertanto conforme all’insegnamento di questa Corte secondo il quale il vizio
della sentenza previsto dall’art. 360 n. 3 cod. prov. civ. deve essere dedotto,
a pena di inammissibilità, non solo mediante la puntuale indicazione delle
norme assuntivamente violate, ma anche mediante specifiche e intelligibili
argomentazioni intese a motivatamente dimostrare in qual modo determinate
affermazioni in diritto contenute nella sentenza gravata debbano ritenersi in
contrasto con le indicate norme regolatrici della fattispecie, diversamente
impedendosi alla Corte di Cassazione di verificare il fondamento della
lamentata violazione (Cass.. 05/08/2020,
n. 16700; Cass. 29/11/2016, n. 24298; Cass. 08/03/2007 n. 5353; Cass.
17/05/2006 n. 11501).

6.1. Quanto alla denunzia del vizio di motivazione,
che alla stregua del novellato art. 360, comma 1, n. 5 cod. proc. civ., è
consentita solo laddove si deduca omesso esame di un fatto controverso e
decisivo, oggetto di discussione tra le parti, evocato nel rispetto delle
previsioni di cui all’art. 366, comma 1, n. 6 cod.proc, civ. (tra le altre,
Cass. SS.UU. 07/04/2014, n. 8053), si rileva che dei fatti dei quali parte
ricorrente asserisce omesso esame , alcuni sono privi di decisività mentre
altri risultano comunque presi in considerazione dal giudice di appello.

Tra i primi si annovera l’affermazione, rese in sede
ispettiva agli Ufficiali di PG del Dipartimento Prevenzione della USL,
dall’unica persona presente all’episodio la quale ha riferito che al momento
dell’accaduto, il R. e il C. “stavano scherzando in prossimità della
balaustra”; tale affermazione, infatti, per la intrinseca genericità di
contenuto, non si presta, come vorrebbe parte ricorrente, ad essere indicativa
del fatto che il C. al momento dell’accaduto non stava lavorando ma era
impegnato in attività del tutto esorbitante rispetto alle proprie mansioni, sì
da escludere ogni nesso di causalità con la violazione delle misure
antinfortunistiche da parte del soggetto committente; ciò tanto più tenuto
conto di quanto immediatamente dopo, nel medesimo contesto, puntualizzato dalla
persona presente all’accaduto circa il fatto che il R. aveva afferrato per le
spalle il collega e che a causa della spinta il C. aveva allungato le mani
verso la sbarra superiore che era fuoriuscita dall’alloggio; ciò depone nel
senso di collegare all’esclusiva iniziativa del R., senza coinvolgimento del
C., la responsabilità della caduta.

6.2. Quanto al fatto dell’anomala sollecitazione
della balaustra, si tratta di circostanza tenuta in considerazione dalla Corte
di merito nella ricostruzione dell’accaduto (v. sentenza, pag. 5,) e da questo
implicitamente valutata allorquando, facendo riferimento alle constatazioni
degli operatori del Dipartimento di Prevenzione della USL circa la non
conformità della balaustra alle prescrizioni contenute nel DL. 81/2008, sia in
ordine all’altezza sia in ordine alla mancata stabile fissazione, ha ritenuto
che l’infortunio si ponesse in relazione causale con la violazione delle
prescrizioni antinfortunistiche.

L’accertamento in concreto, poi, del prospettato
rapporto occasionale tra attività lavorativa ed infortunio costituisce
accertamento di fatto, come tale riservato al giudice di merito – secondo la
giurisprudenza di questa Corte (Cass. 06/08/2003, n. 11885; Cass. 04/12/2001.
15311; Cass. 01/07/1998 n. 6449; Cass. 19/01/1998, n. 447) – e sindacabile, in
sede di legittimità, soltanto per vizio di motivazione che non può consistere,
tuttavia, in una diversa ricostruzione dei medesimi fatti (vedi, per tutte,
Cass 28/10/2003, n. 16213).

6.3. Infine è inammissibile la denunzia riferita
alla mancata ammissione della prova testimoniale stante la genericità del
riferimento alle circostanze oggetto di prova ritenute superflue dal giudice di
merito( v. ricorso, pag. 17) laddove, al fine della valida censura della
decisione sul punto, si richiedeva la indicazione in ricorso dei capitoli di
prova non ammessi ed asseritamente concludenti e decisivi al fine di pervenire
a soluzioni diverse da quelle raggiunte nell’impugnata sentenza (Cass.
10/08/2017, n. 19985; Cass. 30/07/2010, n. 17915; Cass. 19/03/2007, n. 6440).
Il motivo va dunque considerato complessivamente infondato.

7. Il secondo motivo di ricorso è pure infondato.

Premesso che la denunzia di omessa verifica della
esistenza di un fatto reato deve intendersi riferita non al soggetto datore di
lavoro di lavoro del C., come impropriamente dedotto, ma alla committente
società Ferramenta V., come coerente con l’obbligo di sicurezza sulla stessa
gravante (per il quale v. Cass. 18/05/2017, n. 12561), si rileva che la censura
non trova riscontro nella sentenza impugnata la quale ha espressamente delibato
sulla astratta configurabilità di un fatto reato a carico dell’appaltante per
il reato di lesioni colpose gravissime “l’elemento soggettivo consistendo
nella negligente predisposizione del parapetto della corsia sopraelevata”
(sentenza pag. 8, primo capoverso).

7.1. Le ulteriori deduzioni articolate con il motivo
in esame, al di là della formale enunciazione della violazione e falsa
applicazione di norme di diritto, oltre che del vizio di motivazione, deduzioni
complessivamente intese a contestare il nesso di causalità tra la violazione
delle norme antinfortunistiche e l’infortunio, risultano inammissibili in
quanto intese in concreto ad un riesame nel merito di risultanze di causa, non
veicolato, peraltro dalla corretta deduzione di omesso esame di un fatto
controverso e decisivo, come prescritto.

8. Il terzo motivo di ricorso è inammissibile.

Premesso che la decisione non contiene alcuna
affermazione in contrasto con l’onere probatorio ricadente sul lavoratore ai
sensi dell’art. 2697 cod. civ., per cui non è ravvisabile la denunziata
violazione della norma richiamata, si rileva che la sentenza impugnata ha
accertato che il C. era dipendente dalla C.L., che questa aveva stipulato con
la F.S. un contratto di appalto per la esecuzione dell’attività di facchinaggio
e movimentazione delle merci e che operava con i suoi dipendenti nell’immobile
in cui la committente svolgeva la sua attività produttiva; in particolare, la
esistenza del contratto di appalto è stata desunta dalla mancata tempestiva
contestazione della circostanza da parte degli (all’epoca) appellati.

Tale accertamento poteva essere incrinato solo alla
deduzione di omesso esame di un fatto controverso e decisivo oggetto di
discussione fra le parti ed evocato nel rispetto dell’art. 366, comma 1, n. 6
cod. proc. civ., deduzione che non risulta in concreto formulata; da tanto
deriva che le doglianze di parte ricorrente, che assumono in sintesi un difetto
di indagine in ordine al ruolo del C. ed alle ragioni della sua presenza
all’interno dell’immobile dove la committente espletava la propria attività,
come pure in ordine alla mancata acquisizione del contratto di appalto, si
rivelano del tutto inidonee alla valida censura della decisione, dovendo
ulteriormente rilevarsi che, secondo quanto emergente dal ricorso medesimo
erano stati gli originari resistenti, odierni ricorrenti, a dare atto della
esistenza dell’appalto e del fatto che il C. fosse dipendente della società
appaltatrice (ricorso, pag. 6, in fine).

9. Il quarto motivo di ricorso è infondato.

La condanna per l’intero degli odierni ricorrenti,
pur in presenza di un accertamento che riconosce quale concausa dell’evento la
condotta di un soggetto terzo, è coerente con la natura solidale del vincolo
esistente tra tutti coloro che sono chiamati a rispondere dell’evento. Come
chiarito dalla giurisprudenza di questa Corte, in tema di infortuni sul lavoro,
quando un danno di cui si chiede il risarcimento è determinato da più soggetti,
ciascuno dei quali con la propria condotta contribuisce alla produzione
dell’evento dannoso, si configura una responsabilità solidale ai sensi
dell’art. 1294 cod. civ. fra tutti costoro, qualunque sia il titolo per il
quale ciascuno di essi è chiamato a rispondere, dal momento che, sia in tema di
responsabilità contrattuale che extracontrattuale, se un unico evento dannoso è
ricollegabile eziologicamente a più persone, è sufficiente, ai fini della
responsabilità solidale, che tutte le singole azioni od omissioni abbiano
concorso in modo efficiente a produrlo, alla luce dei principi che regolano il
nesso di causalità ed il concorso di più cause efficienti nella produzione dei
danni (patrimoniali e non) da risarcire ( Cass. 09/04/2014, n. 8372); la natura
solidale del vincolo tra i responsabili comporta ai sensi dell’art. 1299 cod.
civ., la possibilità per il debitore che ha pagato l’intero credito di agire in
regresso nei confronti dei condebitori per la quota di pertinenza degli stessi.

10. Il quinto motivo di ricorso è inammissibile in
quanto per consolidato orientamento di questa Corte il provvedimento con il
quale il giudice autorizza o nega la chiamata in causa di un terzo ad istanza
di parte coinvolge valutazioni assolutamente discrezionali, che, come tali, non
possono formare oggetto di impugnazione (Cass. 28/03/2014, n. 7406; Cass.
20/12/2005, n. 28227; Cass. 22/05/1997, n. 4568).

11. Al rigetto del ricorso consegue ¡1 regolamento
delle spese di lite secondo soccombenza.

12. Sussistono i presupposti per il versamento da
parte del ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato
pari a quello, ove dovuto, per il ricorso a norma del comma 1 bis dell’ art.13
d. P.R. n. 115/2002 (Cass. Sez. Un. 20/09/2019 n. 23535).

 

P.Q.M.

 

Rigetta il ricorso. Condanna parte ricorrente alla
rifusione delle spese di lite in favore dell’INAIL che liquida in € 6.000,00
per compensi professionali, € 200,00 per esborsi, oltre spese forfettarie nella
misura del 15% e accessori come per legge.

Ai sensi dell’art. 13, co. 1 quater, del d.P.R. n.
115 del 2002 dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il
versamento da parte del ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di
contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso a norma del comma 1
bis dello stesso art. 13, se dovuto.

Giurisprudenza – CORTE DI CASSAZIONE – Sentenza 27 aprile 2021, n. 11116
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: