Giurisprudenza – CORTE DI CASSAZIONE – Sentenza 11 maggio 2021, n. 12419

Professionista, Avvocato, Redditi di importo inferiore a €
5.000,00, Valutazione dell’occasionalità della prestazione

 

Fatti di causa

 

Con sentenza depositata il 30.5.2019, la Corte d’appello
di Bari ha confermato la pronuncia di primo grado che aveva dichiarato l’Avv.
M.A.C. non tenuta ad iscriversi presso la Gestione separata in relazione ai
periodi nei quali aveva prodotto un reddito inferiore ai minimi previsti per
l’obbligatorietà dell’iscrizione presso la Cassa Nazionale Forense.

La Corte, in particolare, ha ritenuto che, sebbene
non potesse in linea generale dubitarsi dell’obbligatorietà dell’iscrizione
alla Gestione separata per coloro che esercitano abitualmente la professione di
avvocato e che non sono tenuti a iscriversi presso la Cassa Nazionale Forense,
il fatto che la professionista avesse percepito redditi di importo inferiore a
€ 5.000,00 rappresentasse un indizio della natura occasionale dell’attività
svolta, rispetto al quale l’Istituto non aveva dato prova alcuna a supporto
della sua natura abituale.

Avverso tali statuizioni ha proposto ricorso per
cassazione l’INPS, deducendo un unico motivo di censura, successivamente
illustrato con memoria. L’Avv. M.A.C. ha resistito con controricorso.

 

Ragioni della decisione

 

Con l’unico motivo di censura, l’INPS denuncia
violazione e falsa applicazione degli artt. 2, commi 26 ss., I. n. 335/1995,
18, commi 1 e 2, d.l. n. 98/2011 (conv. con I. n. 111/2011), 21 comma 8, I. n.
247/2012, e 44, d.l. n. 269/2003 (conv. con I. n. 326/2003), per avere la Corte
di merito ritenuto che la produzione di un reddito inferiore alla soglia di €
5.000,00, di cui alla norma ult. cit., costituisse elemento sintomatico
decisivo ai fini della valutazione dell’occasionalità della prestazione, senza
considerare le ulteriori circostanze acquisite al processo e rimaste
incontestate, vale a dire il mancato inserimento del reddito da lavoro autonomo
tra i redditi diversi ai fini fiscali e la titolarità di partita IVA.

Il ricorso è infondato.

Va premesso che, ricostruendo la portata precettiva
dell’art. 2, comma 26, I. n. 335/1995, per come autenticamente interpretato
dall’art. 18, comma 12, d.l. n. 98/2011 (conv. con I. n. 111/2011), questa
Corte, sulla scorta di Cass. S.U. n. 3240 del 2010, ha avuto modo di affermare
più volte che l’obbligo di iscrizione alla Gestione separata è genericamente
rivolto a chiunque percepisca un reddito derivante dall’esercizio abituale
(ancorché non esclusivo) ed anche occasionale (oltre la soglia monetaria
indicata nell’art. 44, comma 2, d.l. n. 269/2003, conv. con I. n. 326/2003) di
un’attività professionale per la quale è prevista l’iscrizione ad un albo o ad
un elenco, tale obbligo venendo meno solo se il reddito prodotto dall’attività
professionale predetta è già integralmente oggetto di obbligo assicurativo
gestito dalla cassa di riferimento (così, espressamente, Cass. n. 32167 del
2018, in motivazione, cui hanno dato continuità, tra le numerose, Cass. nn. 519
del 2019, 317 e 1827 del 2020, 477 e 478 del 2021). E trattasi di affermazione
che discende agevolmente dalla lettura del combinato disposto degli artt. 2,
comma 26, I. n. 335/1995, e dell’art. 44, d.l. n. 269/2003, entrambi cit., il
primo dei quali, per quanto qui rileva, prevede l’obbligatorietà
dell’iscrizione a carico dei «soggetti che esercitino, per professione
abituale, ancorché non esclusiva, attività di lavoro autonomo, di cui al comma
1 dell’articolo 49 del testo unico delle imposte sui redditi, approvato con decreto
del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, e successive
modificazioni ed integrazioni», mentre il secondo, a decorrere dal 1° gennaio
2004, estende tale obbligo anche ai «soggetti esercenti attività di lavoro
autonomo occasionale […] solo qualora il reddito annuo derivante da dette
attività sia superiore ad euro 5.000».

Nell’intento del legislatore, reso palese dalla
lettera delle disposizioni citate, l’obbligatorietà dell’iscrizione presso la
Gestione separata da parte di un professionista iscritto ad albo o elenco è
collegata, infatti, all’esercizio abituale, ancorché non esclusivo, di una
professione che dia luogo ad un reddito non assoggettato a contribuzione da
parte della cassa di riferimento; la produzione di un reddito superiore alla
soglia di euro 5.000,00 costituisce invece il presupposto affinché anche
un’attività di lavoro autonomo occasionale possa mettere capo all’iscrizione
presso la medesima Gestione, restando invece normativamente irrilevante qualora
ci si trovi in presenza di un’attività lavorativa svolta con i caratteri
dell’abitualità.

Dirimente è, insomma, il modo in cui è svolta
l’attività liberoprofessionale, se in forma abituale o meno; e se
nell’accertamento di fatto di tale requisito ben possono rilevare le presunzioni
ricavabili, ad es., dall’iscrizione all’albo, dall’accensione della partita
IVA, dalle dichiarazioni rese ai fini fiscali o dall’organizzazione materiale
predisposta dal professionista a supporto della sua attività, non è meno vero
che trattasi pur sempre di forme di praesumptio hominis, che non impongono
all’interprete conclusioni indefettibili, ma semplici regole di esperienza per
risalire al fatto ignoto da quello noto.

Sotto questo profilo, deve escludersi che – come
invece preteso dall’Istituto ricorrente – tali regole di esperienza siano
passibili di irrigidirsi in virtù della normazione positiva dettata dagli artt.
61 e 69-bis, d.lgs. n. 276/2003, così da trapassare nel campo della presunzione
legale: tanto l’art. 61, comma 3, d.lgs. n. 276/2003, nella parte in cui
prevede che «sono escluse dal campo di applicazione del presente capo le
professioni intellettuali per l’esercizio delle quali è necessaria l’iscrizione
in appositi albi professionali», quanto il successivo art. 69-bis, comma 3, che
esclude dalla presunzione di continuatività di cui al precedente comma 1 le
«prestazioni lavorative svolte nell’esercizio di attività professionali per le
quali l’ordinamento richiede l’iscrizione ad un ordine professionale», sono
preordinati a dettare discipline di favore per i committenti e i prestatori di
attività riconducibili ad una professione intellettuale per il cui esercizio
sia necessaria l’iscrizione ad apposito albo professionale, stabilendo
rispettivamente che esse non necessitano dell’individuazione di uno specifico
progetto per essere dedotte in un contratto di collaborazione e che, ai fini
fiscali, non possono presumersi continuative; si tratta, in altri termini, di
disposizioni che operano l’una nell’ambito dei rapporti tra le parti contraenti
e l’altra nei confronti dell’Erario, ma dalle quali non è possibile desumere
alcuna presunzione iuris et de iure tale per cui un’attività
libero-professionale che possa essere svolta solo previa iscrizione ad un albo
o elenco debba necessariamente qualificarsi come “abituale” ai fini
dell’iscrizione alla Gestione separata.

Resta piuttosto da osservare che, una volta chiarito
che il requisito dell’abitualità dev’essere accertato in punto di fatto,
valorizzando all’uopo le presunzioni ricavabili ad es. dall’iscrizione
all’albo, dalle dichiarazioni rese ai fini fiscali, dall’accensione della
partita IVA o dall’organizzazione materiale predisposta dal professionista a
supporto della sua

attività, ben può la percezione da parte del libero
professionista di un reddito annuo di importo inferiore a € 5.000,00 rilevare
quale indizio per escludere che, in concreto, l’attività sia stata svolta con
carattere di abitualità, così come in concreto ritenuto dalla Corte
territoriale: fermo restando che l’abitualità di cui si discute dev’essere
apprezzata nella sua dimensione di scelta ex ante del libero professionista,
coerentemente con la disciplina ch’è propria delle gestioni dei lavoratori
autonomi, e non invece come conseguenza ex post desumibile dall’ammontare di
reddito prodotto, dal momento che ciò equivarrebbe a tornare ad ancorare il
requisito dell’iscrizione alla Gestione separata alla produzione di un reddito
superiore alla soglia di cui all’art. 44, d.l. n. 269/2003, cit., che invece,
come detto, rileva ai fini dell’assoggettamento a contribuzione di attività
liberoprofessionali svolte in forma occasionale, non si tratta che di un
ragionamento presuntivo mediante il quale si utilizzano circostanze note per
risalire ad un fatto ignoto. Ed è appena il caso di soggiungere che, sebbene
l’Istituto ricorrente abbia lamentato che, nel caso di specie, non sarebbero
state adeguatamente valorizzate ulteriori circostanze fattuali acquisite al
processo (l’accensione di partita IVA e il mancato inserimento del reddito da
lavoro autonomo tra i redditi diversi), nulla della loro sussistenza è dato
leggere nella sentenza impugnata, né l’Istituto ha specificamente illustrato in
quale luogo e in quale grado del processo di merito esse sarebbero state
veicolate nel giudizio e discusse tra le parti, con la conseguenza che, per
questa parte, la censura deve reputarsi radicalmente inammissibile.

Il ricorso, pertanto, va rigettato.

Le spese seguono la soccombenza nella misura
liquidata in dispositivo, con distrazione in favore dell’avvocato B.E.B. che ha
reso la prescritta dichiarazione.

 

P.Q.M.

 

Rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al
pagamento delle spese del giudizio di legittimità che liquida in euro 700,00 per
compensi, oltre ad euro 200,00 per esborsi, spese forfetarie nella misura del
15% e spese accessorie di legge, da distrarsi in favore dell’avvocato B.E.B..

Ai sensi dell’art. 13, comma 1 – quater, d.P.R. n.
115/2002, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il
versamento da parte del ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di
contributo unificato pari a quello, ove dovuto, per il ricorso, a norma del
comma 1 – bis dello stesso art. 13.

Giurisprudenza – CORTE DI CASSAZIONE – Sentenza 11 maggio 2021, n. 12419
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: